Vai al contenuto

Come raggiungere la calma velocemente durante il lavoro

Come sta andando la tua settimana lavorativa? Sono giorni frenetici o ti stai rilassando? 

Sai come raggiungere la calma velocemente durante il lavoro?

Oggi ti propongo un rapido esercizio di consapevolezza che è utile per “radicarti” durante i giorni frenetici.

👉🏻 Sollievo dallo stress durante la giornata lavorativa (meditazione guidata compresa)

 

Scopri come raggiungere la calma velocemente durante il lavoro leggendo questo articolo oppure ascoltando il #4 episodio del podcast “Alla tua salute…naturalmente”

Conosci la sensazione di sentirti radicata? O forse dovrei chiederti, sai com’è non sentirti radicata? 

È quella sensazione di sopraffazione quando hai difficoltà a concentrarti e non riesci a capire come riuscirai a fare tutto. 

Come se la tua mente fosse scollegata dal corpo e diventi stordita dai pensieri. 

Oppure, immagina di essere catturata in una corrente d’acqua dove, non importa quanto tu nuoti, non riesci a raggiungere un terreno solido da sentire sotto i tuoi piedi. In effetti, combattere la corrente ti logora e ti fa trascinare ulteriormente nel torrente.

Un esercizio di radicamento, come cinque minuti di consapevolezza, può rallentare la respirazione, rallentare la frequenza cardiaca e fermare quella sensazione di sopraffazione. 

No, non risolverà i problemi della tua lista di cose da fare, ma probabilmente ti sentirai meglio attrezzata per affrontarli. 😉

Cinque minuti sono tutto ciò di cui hai bisogno (puoi anche impostare il timer sul tuo cellulare) per coinvolgere i tuoi sensi e sentirti radicata e calma per affrontare meglio la tua giornata.

  1. Rilassati: siediti in una comoda posizione eretta con i piedi ben piantati a terra. Appoggia le mani sulle cosce o sulla scrivania.
  1. Respira: respira e basta. Non preoccuparti della tecnica, lascia che l’aria entra ed esca attraverso il naso.
  1. Coinvolgi: è tempo di coinvolgere ciascuno dei tuoi cinque sensi, uno alla volta, per almeno un minuto ciascuno. 

Puoi tenere un orologio a portata di mano o semplicemente fare una stima quando farai questa pratica senza la mia voce che ti accompagna. 

Il punto qui è concentrarsi sul momento presente e su come ogni senso viene attivato in quel momento.

Udito: inizia a rilassarti semplicemente notando tutti i suoni intorno a te. Concediti il ​​permesso di sospendere il tuo giudizio sui suoni. Non sono buoni o cattivi, esistono e basta. Noti qualcosa che prima di iniziare non avevi sentito? I suoni bassi potrebbero essere passati in precedenza inosservati. Riesci a sentirli ora? Ricorda di respirare regolarmente mentre ascolti.

Odore: ora sposta la tua concentrazione per notare gli odori del tuo ambiente. Qualcuno sta cucinando il pranzo nel tuo edificio? Riesci a rilevare l’odore di elettronica del tuo computer o l’aria fresca che entra dalla tua finestra? Prova a chiudere gli occhi per concentrarti sui profumi più sottili.

Vista: se hai chiuso gli occhi un momento fa, aprili per notare i colori, le forme e le trame dell’ambiente circostante. Se guardi davvero, quasi tutto ha variazioni di colore e consistenza che potrebbero essere passate inosservate. Quante sfumature di blu o di rosso? Manca qualche colore?

Gusto: puoi farlo indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno cibo da mettere in bocca. Se hai uno spuntino prendi un piccolo boccone, notando tutti i sapori e le consistenze che si presentano. Se non hai cibo, nota solo la tua lingua in bocca e  la tua saliva. La maggior parte di noi ha sempre dei gusti in bocca. Passa la lingua sui denti e sulle guance: cosa noti? 

Continua a respirare, ancora un minuto.

Tocco: l’ultimo. Pensa dove hai appoggiato le mani quando hai iniziato questo esercizio? Nota la sensazione di dove le tue mani incontrano qualcosa di solido come il tessuto dei tuoi vestiti o la superficie della tua scrivania. 

Nota anche la pressione tra i tuoi piedi e il pavimento. Prova a sentire le trame che hai notato attraverso la vista un momento fa. 

Anche in una pratica di consapevolezza di soli 5 minuti possono esserci distrazioni. Non preoccuparti. È sempre uno dei tuoi sensi che ha fatto attirare la tua attenzione a qualcos’altro. 

Non c’è bisogno di sentirsi frustrati quando ciò accade, puoi semplicemente incorporarlo nell’esercizio.

Come ti senti ora? Sei tornata nel momento e nel tuo corpo?

Fai un confronto tra come ti senti ora e come ti sentivi cinque minuti fa: cosa è cambiato? Prova questo esercizio la prossima volta che ti senti intrappolata nella corrente della giornata!

Se certe volte anche 5 minuti ti sembrano esagerati per poter tornare in equilibrio, sarai contenta di scoprire che in realtà esistono tecniche olistiche rapide anche di un minuto o meno. 

Ne ho raccolte diverse nel mio primo libro intitolato Instant Zen.

Una guida per donne impegnate che vorrebbero imparare a gestire le emozioni negative, stress ed ansia durante la loro giornata anche quando non è possibile utilizzare altre tecniche anti-stress come lo yoga o mezz’ora di meditazione.

Ti è piaciuto l’esercizio “5 sensi in 5 minuti consapevoli”? Fammi sapere nei commenti! Ti leggo! 😉

Beata 💜

PS.: Se pensi che questo episodio del podcast, la meditazione guidata di “5 sensi in  minuti consapevoli” oppure il libro Instant Zen possono essere utili a qualcuno delle tue conoscenze 👉🏻 ricordati di condividere l’articolo sulla tua piattaforma preferita.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *